Morte all’ ICI

04/04/2006 0 By Edoardo

Ed ecco che il signor B. ha pensato bene di uscirsene con la solita sparata preelettorale.
Sia chiaro che io, come chiunque altro, non mi sognerei mai di dire no all’abolizione di una tassa, ci mancherebbe altro.. certo che.. ? troppo facile dire “la cancello” quando lo stato in cui viviamo spende pi? di quanto incassa.. se smetti di incassare una tassa, da qualche parte quei soldi devi pure trovarli.. ed allora.. invece di pagare sulla casa mi triplicheranno la benzina piuttosto che la tassa sul metano o sull’elettricit?.. alla fine.. cornuti e mazziati.
Ma allora… l’ici cos’ha di sbagliato? Beh.. l’ici ? una tassa sugli immobili (non solo sulle case) che finanzia i comuni in cui la casa si trova.. in pratica si pagano le strade, la segnaletica, gli acquedotti della propria citt?.
Il problema ? che in Italia ? diventato molto difficoltoso diventare proprietari di casa. Un ragazzo come me, con i 250mila euro massimi che una banca eroga come mutuo, in una citt? come milano, compra al massimo un bilocale… e lo paga in 30 anni..
Allora, questi 2 miliardi e mezzo di euro invece che non farseli pagare, li usino per costruire case calmierando il mercato, per agevolare l’accesso ai mutui per chi ha contratti atipici, per garantire a tutti il diritto alla casa che ormai per noi trentenni sta diventando solo un miraggio.
Si va ad abitare in provincia con l’unico effetto di far lievitare i prezzi anche li, di farsi ore di viaggio per raggiungere il lavoro che non si ? decentrato come il lavoratore, a rodersi il fegato per i servizi pubblici che funzionano non bene quanto dovrebbero…
Tenetevi l’ICI, la voglio pagare perch? voglio potermi permettere l’acquisto di una casa senza buttare nel cesso 700euro al mese di affitto per un buco.