redpro premium wordpress theme

Posts tagged ‘macchina’

E&M missione aliyah: ?? ??? ??????

(Si legge IESH LANU MECONIT) che starebbe a dire: Abbiamo la macchina! 😀

Ieri sera, infatti, sono andato a Rehovot a recuperare la macchina dai suoi precendeti proprietari. Il passaggio di proprietà si è risolto in 5 minuti all’ufficio postale presentando il libretto della macchina (un foglio azzurro), l’atto di proprietà (un fogliettino), la carta d’identità di venditore e compratore. Pagati 196 sheqel (fanno circa 35 euro), la pratica è risolta. La postina trattiene il vecchio atto di proprietà e ne rilascia uno nuovo. FINITO!

Ora siamo felici proprietari di una Fiat Marea 1.6 ELX con cambio automatico. Colore Argento. Il prossimo passo è riuscire ad avere il pass residenti.

Nel frattempo abbiamo anche comprato la sukka ed oggi ho comprato il lulav.

Comprare il lulav è stata un’esperienza tantrica. In Kikkar Rabin, qui a Tel Aviv, hanno realizzato un mercatino di Sukkot. Un paio di postazioni per la vendita delle sukkot ed una miriade di banchetti di venditori di etroghim e “verdure” varie. La cosa più stupefacente è stato il costo totale… 90 sheqel (che fanno meno di 20 euro… vogliamo parlarne?). Ti scegli l’etrog, i rametti di mirto che preferisci, le coste di palma della lunghezza e della consistenza che più ti piacciono. Poi ti danno gli anelli per legarli assieme e l’impugnatura.

L’unica cosa che mi ha stupito è che la maggior parte degli etroghim erano verdi acerbi. Io ne ho scelto uno bello giallo, di forma regolare, senza macchie (molti ne avevano). Credo sia quasi perfetto 😀

Mistico a dir poco..

E&M missione aliyah: Casa e macchina

E rieccoci con il settimanale aggiornamento sulla nostra aliyah. 😀

Cominciamo con il dire che trovare una macchina decente di seconda mano in Israele è più che difficoltoso. Un amico mi ha indirizzato ad un sito che si chiama secondamano (yad sheni  in ebraico) dove si trovano moltissimi annunci. Il sito è molto ben fatto (se si capisce un minimo di ebraico) ed è possibile selezionare gli annunci per marca, per anno di immatricolazione, per prezzo, per tipo di cambio (qui quasi tutti usano quello automatico).

Il primo problema, in realtà, è che i prezzi non sono allineati a quelli europei. La cosa non è sconvolgente se si considera che quando si compra una macchina si paga una tassa pari al 100% del suo valore (a me pareva fosse il 75% ma più d’uno m’ha detto diversamente).  Certo che pensare di comprare una macchina di 12 anni e pagarla ancora 3000 euro mi fa molto strano…

Il secondo è che qui le macchine usate passano di mano in continuazione. Non è strano trovare macchine di quinta o sesta mano! Ovviamente questo comporta che risalire alla storia della macchina sia quasi impossibile. Sapere se ha fatto incidenti è quasi impossibile.

Il terzo è che l’idea di “tenuta bene” degli israeliani è MOLTO distante da quella degli italiani. Qui se una macchina ha i sedili bucati dalle sigarette, la tappezzeria un po’ strappata, qualche bolla di ruggine qui e li, le guarnizioni crepate o i paraurti scesi per qualche urto la considerano ancora “tenuta bene, quasi nuova”..

Il massimo è stato ieri pomeriggio un tizio che avevo contattato per una Renault Megane che invece mi ha fatto vedere un Land Rover del ’97 che secondo lui era in ottime condizioni: 3 gomme su 4 da cambiare perché la spalla era crepata, tutte le rifiniture in plastica crepate, il cruscotto che quasi si sfarinava, la tappezzeria lisa e sporca. Ha avuto il coraggio di chiedermi 34mila sheqel (circa 6.500 euro).

Domani andrò a dare un’occhiata ad una Fiat Marea di terza mano, del 2001, con 100mila kilometri sulle spalle. Speriamo sia tenuta bene. Non chiedono neanche un’esagerazione, poco più di 3000 euro.

Ah.. tra gli annunci si possono trovare anche ex-taxi con 500-700 mila kilometri dichiarati. Ovviamente il prezzo non è strcciato, parliamo sempre e comunque di più di 5 mila euro! :(

Per quel che riguarda la ricerca della casa, invece, abbiamo visitato Netanya, e devo dire che ci è piaciuta. Non è linda e ordinata come Ness Ziona, ed i palazzi vecchi si alternano alle nuove costruzioni. Detto questo ci è sembrata accogliente ed ordinata. I prezzi non sono stratosferici ed abbiamo un po’ di visite programmate per la prossima settimana. Speriamo di trovare qualcosa di buono.

Up to date

Aggiornamenti della settimana:

Tisha B’av è trascorso bene, se non fosse per l’aria condizionata guasta al tempio… la lettura della meghillà di Echa è stata piuttosto suggestiva al tempio dei giovani. La lettura mattutina un tantino pesante perché il tempio di mezzo è un filo “noiosetto”. D’altra parte non si può pretendere che la facessero allegra, trattandosi di un brano particolarmente triste… vabbé…

Shabbat di nuovo con l’aria condizionata guasta al tempio, con l’aggravante che invece di fare la tefillah al pian terreno, ampio ed abbastanza fresco, hanno avuto la geniale idea di spostarci al sesto piano (ovviamente senza ascensore shabbatico…) giusto sotto al tetto, con una bella vetrata esposta al sole, comunque con l’aria condizionata a mezzo servizio e, soprattutto, con la gente stipata.

Nota di colore, sia a Tisha b’Av che a Shabbat incontro fortuito con eupilini 😀

Per il resto, siamo andati a dare un’occhiata a Rishon LeZion e Ness Ziona, carina la seconda, variegata la prima.

Ness Ziona è una piccola città, intorno ai 30mila abitanti, molto ordinata e pulita. In media le case sembrano piuttosto recenti (anche se la città ha più di 120 anni). Non è distante dal mare – circa 7km – ma non è collegata direttamente alla spiaggia.

Rishon LeZion, invece, alterna quartieri recenti con case basse, ad altri con case alte (in generale i palazzi alti sono al centro di un quadrilatero alla cui periferia vengono costruite case più basse o villette singole). La parte di città “vecchia”, invece è quasi tutta composta da palazzi di media altezza (5-7 piani) ma che dimostrano la vecchiaia e la scarsa qualità della costruzione. In generale il centro ricorda abbastanza Tel Aviv nelle parti sporche e poco curate.

I quartieri più recenti, invece, sono molto carini ed ordinati. Molto verde in giro, un quartiere commerciale molto denso di negozi e canyon (il termine ebraico con cui si indicano i centri commerciali). Tra parentesi, Rishon LeZion è dove verrà costruito il secondo negozio Ikea in Israele.

Il primo si trova a Netanya, altra città che andremo a visitare questa settimana.

Prosegue la ricerca di un’auto usata da comprare (forse abbiamo trovato una Punto 1.3 del 2002).

la macchina sta bene

oggi ho ritirato la macchina dal meccanico. le mie tasche sono piu’ leggere.

…. mappork …

dico solo una cosa: 846,69 euro…

bikini leg spread irina shayk naked zoe hardman nude tina rodriguez nude lia marie johnson topless katy perry lesbian sex yesjulz nude emmy rossum fap jennette mccurdy pussy erin cummins fappening sandra latko rachel yampolsky nude katy perry celebjihad cameron diaz sex tape nude jennifer aniston naked selena gomez camel toe kris jenner leaked nudes gemma atkinsonnude alisha cuthbert nude tina fey nude