redpro premium wordpress theme

Archive for the ‘ironia’ Category.

I Will Survive ad Aushwitz

Solo chi ha vissuto una tragedia come la shoah in prima persona può permettersi di scherzarci sopra. Quando ci provò Benigni con la sia “La vita è bella” venne attaccato ed accusato di banalizzare una tragedia. Io apprezzai il suo desiderio di presentare un possibile punto di vista, quello di un padre che cerca di non far capire al suo innocente bambino quanto possano essere tremendi gli uomini.

Oggi scopro, grazie a Kolot, che un’artista austrialiana, durante un viaggio ai campi di concentramento nazisti, con il padre e la famiglia ha realizzato una performance sulle note di I Will Survive di Gloria Gaynor. Il padre è un sopravvissuto alla shoah, e, con tutti i diritto, si gode la vita ed il piacere di aver sconfitto la follia nazista non solo sopravvivendo, ma dando vita ad una generazione che ne porterà avanti la memoria. Penso che soprattutto il prendersi gioco di chi ci ha voluto male sia la massima sublimazione della propia vittoria sul orrore.

Può sembrare blasfermo o fuori luogo, ma a me questa performance fa scendere due lacrimucce di felicità.


Sapere che c’è ancora chi ha il coraggio di guardare la tragedia con un sorriso di scherno per i carnefici sulla faccia, vale più di mille ricerche su quello che è successo.

Il quotidiano israeliano Haarez riporta la notiza e fa notare come siti neonazisti citino il video e dicano “guardate, questi ebrei continuano a ballare in ogni angolo. Li dobbiamo cercare, li stermineremo nel prossimo olocausto”. Al di la dei brividi che fa venire quest’affermazione, che non dice però nulla di nuovo, la prima reazione che mi viene è un pensiero a quella fantastica T-Shirt che vendono qui in Israele dove vengono elencati tutti i popoli che in 3000 anni hanno tentato di cancellare il popolo ebraico dalla faccia della terra. Nessuno di loro esiste ancora, ma Am Israel Hai (il popolo di Israele vive).

Prendiamola a ridere, mandiamo tutto in waka

L’avrete sicuramente già incrociato in FacciaLibro o su tutubo, cmq, ecco a voi l’ennesimo colpo di genio di maxino.net

Piccola peste fa danni

Anche se qualcuno preferirebbe dimenticarsene, nella giornata del 20 febbraio 1973, a Rovigo, si abbattè uno dei preggiori cataclismi che la storia moderna possa ricordare.

Nacque Edoardo

Non è dato sapere se sia stata una giornata di sole o, più probabilmente, di Polesana nebbia, fatto stà che non rimase molto a lungo nella mesopotamia d’Italia. Mamma, Papà e sorellaccia lo riportarono in men che non si dica nel “freschin” veneziano (non necessariamento migliore della nebbia polesana!).

A Favaro Veneto crebbe, crebbe e continuò a crescere… il fertilizzante aggiunto alla colazione fece il suo effetto..

Le sue giornate si snodavano tra scuola e partite a calcio con gli amici nel parchetto sotto casa… solo all’imbrunire dalle finestre delle case si affacciavano le mamme a richiamare i bimbi all’ordine per la cena. L’aria si riempiva di urla lancinanti.. “DAAAAAVIDDDDD”…. “NICCCCOOOOOOOLLLLLLOOOOOOO”… “EEDOOOOOOOOOAAAAARRDDDDOOOOOOOOOOOO…

La vita si svolse tranquilla tra elementari e medie, ma è in quarta elementare che il padre commise il suo errore più grande.. portò a casa il primo computer. Da li la situazione precipitò…Edoardo passava interminabili ore silenzioso a leggere riviste e libri in lingue a lui sconosciute (principalmente inglese) assorbendo, non si sa come, competenze che poco gli sarebbero servite dato che si riferivano a computer diversi da quello che aveva…

Già allora le sue mani correvano veloci sulle tastiere dei computer dei suoi amici. Loro non sapevano usarli, ma lui – che pure non li possedeva – si..

Alle superiori iniziò la trasformazione, la musica “adulta” lo travolse e lo sport cominciò ad attirare le sue attenzioni.. Calcio, pallacanestro e nuoto riempivano le sue giornate, altrimenti piuttosto monotone. Le prime vacanze da solo, i primi campeggi.. i suoi occhi si aprirono ad un mondo fino ad allora sconosciuto

La vita della famiglia però si spostò nuovamente nelle nebbie polesane. Il cambio di ambiente influì sul carattere del ragazzo che diventò molto più espansivo e si ricostruì agevolmente una nuova rete di amicizie. La scuola invece rimase un luogo misterioso che, quando possibile, evitava.

L’università fu un momento migliore, ma non durò a lungo: prima il servizio militare e poi il lavoro lo distrassero dallo studio.

Il Rock, che era entrato nella sua vita nei primi anni del liceo, diventò parte rilevante della sua vita durante gli anni dell’università. Fu tra il pubblico di innumerevoli concerti di Vasco ma cominciò a scoprire nuovi musicisti, tra i quali una cantantessa catanese. La frequentazione di un centinaio di suoi concerti provocò il danno..

Il resto è storia, il seguito fantascienza

Ma chi ce l’ha fatto fare

L’infausto inizio è da far risalire al 3 novembre 1997. Milano. Corso XXII Marzo. Discoteca Rolling Stone.

L’occasione è stata un concerto al quale entrambi avevano deciso di partecipare.

Galeotta fu la comune amicizia con Squalo, frequentatore emiliano di #consoli (se non sapete cosa sia sono affari vostri, IGNORANTI! Tongue out)

I nostri protagonisti non fecero fatica ad instaurare una bella amicizia, anche in considerazione della parlantina irrefrenabile di Lei. Lui rimase traumatizzato, ma non si può negare che quella serata rimase impressa nella sua memoria.

Conosciutisi dal vivo continuarono la loro conoscenza tramite i potenti mezzi della rete globbbbbale. Telecom Italia (allora SIP) ringraziava per le laute bollette che inviava ad entrambi.

Con rapide mosse e passo felino l’allora liceale sottraeva con astuzia il controllo del potente elaboratore elettronico al padre (che non ne era particolarmente contento ma cedeva di buon grado…)

Lui, svogliato studente di informatica, passava le sue ore pigramente al computer attendendo che C-40 (nome in codice della nostra infausta protagonista) apprasisse tra gli utenti del #consoli (e se continuate a non sapere di cosa si tratti, ci spiace ma non sappiamo che dirvi!).

La comune passione per il mare e per la musica di pietra (il rock..) portò entrambi nell’inferno vacanziero di Jesolo, amena località della costa veneta in cui una massa di scatenati ed improbabili rokkettari si ritrovavano per una 3 giorni di musica e campeggio… il Beach Bum Rock Festival.

Passarono pochi mesi perché i due si potessero reincontrare. Lo SMAU del ‘98 fu occasione di ritrovo dei comuni amici e la nostra sfortunata ebbe la malsana idea di invitare la bolgia a casa propria. La Madre, non particolarmente allegra all’idea di vedersi devastata la casa da una massa di sconosciuti, preparò il cholent (forse sperando che la pietanza stendesse KO tutti gli invitati?)…

Il nostro, incosciente, decise di offrire il proprio aiuto alla ignara padrona di casa. Il Cholent non fece su di lui l’effetto sperato e la padrona di casa rimase positivamente sconvolta dal avvenimento. Che costui avesse lo stomaco a prova di cucina Ebraica??

Le macchinazioni del nostro stavano cominciando a funzionare: la futura suocera era già affascinata.

La data da segnare sul calendario con una nera croce di tristezza è il primo maggio 1999. Il luogo Roma, Piazza San Giovanni in Laterano. Motivo: il concerto.

Da quel giorno gli eventi iniziarono la loro corsa a precipizio…

Lei conobbe i futuri suoceri in un’altra occasione atipica. Dopo un diluvio che sommerse l’Heineken Jammin Festival di Imola, giunse alla loro casa in ciabatte e con indosso una tuta di Lui. Pulcino bagnato venne subito presa in cura dai di lui genitori.

Non trascorse molto tempo perché egli prendesse la decisione di spostare la sua vita nella grigia ed inquinata Milano. I suoi polmoni ne risentirono, ma l’umore iniziò a migliorare.

Sono passati alcuni anni, ora i due hanno una loro vita ben definita, un buon lavoro e tanta voglia di costruire un futuro. Che dire.. le difficoltà non li hanno fermati, sono cresciuti insieme ed ora han deciso di sposarsi.

Il pubblico rumoreggia, sussurra e si sorprende…. ormai nessuno ci sperava ed il loro matrimonio sembrava più un’utopia che una possibiità reale.

La serietà della vita non li coglierà impreparati…

o no????

jennifer lawrence nipples zooey deschanel sex video hayden panettiere nude pics leaked nicki minaj tits britney porn bethany spiby naked sjokz naked scarlett johansson nude jennifer lawrence nude leaked danika patrick naked cara delevingne fappening meisha tate nude pics kylie jenner pokies melissa reeves pussy nina serebrova naked ariana grande leaked photos ariel winter nude lais ribeiro nude annie wersching nude xena avramidis nude