redpro premium wordpress theme

Archive for the ‘Uncategorized’ Category.

La sconfitta morale di Israele ci perseguiterà per anni – Risposta ad Amira Hass

Scrivo in risposta ad un articolo di Amira Hass pubblicato da Internazionale e ripubblicato sul suo profilo Facebook da un’artista di cui ho profondissima stima.
Scrivo qui e non sul suo profilo per dare più possibilità di diffusione.

Inizio con il confutare alcune inesattezze di Amira Hass e passerò poi ad esprimere il mio punto di vista.

Scrive Amira Hass:

Dal momento in cui scrivo queste parole (il 26 luglio) al momento in cui voi le leggerete i morti saranno più mille (di cui il 79-80 per cento civili).

Non lo dico io ma giornalisti seri che si sono presi la briga di controllare le liste dei morti diffusi da Hamas: I morti civili sono molti meno, i miliziani sono ben oltre il 60 percento.

Di quanto aumenterà il conto? Dieci morti? Diciotto morti? Altre tre donne incinte? Altri cinque bambini, con gli occhi socchiusi, la bocca spalancata e i denti da latte sporgenti, con le magliette che grondano sangue mentre i corpi vengono portati via, ammassati su una barella? Se vincere significa costringere l’avversario a caricare i bambini massacrati su un’unica barella (perché le barelle non bastano) allora il capo di stato maggiore Benny Gaz e il ministro della difesa Moshe Ya’alon hanno vinto, e insieme a loro hanno vinto tutti quelli che li ammirano.

Assolutamente vero, la morte di bambini e donne è certamente un orrore, ma la domanda è cosa ci facessero li.
Israele utilizza tecniche di tutti i generi per evitare i morti civili. Tecniche che nessun altro esercito al mondo utilizza e che tutti gli esperti militari e di diritto internazionale ritengono molto più efficaci di quelle usate da chiunque altro.
Allora perché ci sono morti civili? Perché Hamas (che ricordo è un’organizzazione terroristica) impedisce loro di abbandonare la zona, li invita sulle proprie televisioni a non abbandonare le abitazioni quando ricevono gli avvisi telefonici
Hamas lancia missili alla presenza di bambini ben sapendo che poco dopo ci sarà una reazione per colpire il punto di lancio. Per quanto i droni aiutino ad evitare di colpire in presenza di civili, capita che non vengano visti.

I bambini morti sono la sconfitta prevalentemente di Hamas, non di Israele.

Un premio spetta anche alla startup nation, per aver riportato il minor numero possibile di notizie nonostante tutti mezzi d’informazione internazionali disponibili. 

Pura mistificazione che dovrebbe invece essere invertita parlando di testate giornalistiche europee dove il conflitto viene sistematicamente ignorato fino a quando Israele reagisce al incessante lancio di missili. Sistematicamente sui quotidiani italiani viene distorta la realtà attribuendo ad Israele la rottura delle tregue quando invece è Hamas a non interrompere il lancio di missili.

In Israele i telegiornali e la radio riportano in continuazione le opinioni di entrambi gli schieramente, fanno parlare arabi come cristiani, drusi ed ebrei. La stessa Amira Hass scrive di continuo sul secondo giornale più diffuso d’Israele, Haaretz.

Scrive ancora la Hass, ma non la riporto che l’esercito Israeliano si sente in diritto di colpire abitazioni ed ambulanze in forza dei consigli dei legali di diritto internazionale che la aiutano, che per lo stesso motivo si sente in diritto di colpire le ambulanze.

E’ vero, l’esercito israeliano ha dovuto dotarsi di un contingente di avvocati per poter capire se quel che sta facendo sia accetatbile legalmente o meno. Israele è sotto la lente d’ingrandimento di tutte le ONG ed i pacifisti per il più piccolo starnuto, ONG e pacifisti che però ignorano qualsiasi altro conflitto, dalla Siria al Iraq solo per citare quelli più sanguinosi al momento.

Ora invece parliamo di chi davvero verrà perseguitato dalla sua sconfitta morale, e non sarà Israele.

Israele è uno stato dove il 20% dei cittadini è arabo, il 15% circa arabo mussulmano (esistono anche arabi non mussulmani se non lo sapeste…). Israele è li paese dove questi cittadini arabi mussulmani, pur non essendo felici di essere israeliani (il 56% si dice non felice della cittadinanza) non prenderebbero in considerazione di spostarsi un altro paese arabo (il 77% dice che in Israele gode di libertà altrove inesistenti e per questo non ha intenzione di andarsene). Israele è il paese dove gli arabi sono rappresentati in parlamento e dove la loro parlamentare può esprimere posizioni antisioniste pesantissime.

La sconfitta morale è invece della comunità internazione, ONU in primis, che ha permesso ad Hamas di nascondere il suo arsenale nelle scuole, e di creare centri di Comando e Controllo al interno degli ospedali.
L’Onu permette ad Hamas di organizzare campi estivi – quest’ anno hanno partecipato 120mila ragazzi tra i 10 ed i 15 anni – dove le attività non sono giocare a calcetto o andare in piscina, bensì imparare a lanciare i razzi, maneggiare armi, cantare slogan d’ odio.

La sconfitta morale è invece della comunità internazionale, e del ONU in primis, che han permesso ai dirigenti di Hamas di accumulare ricchezze sottraendo gli aiuti internazionali, che han permesso di usare il cemento degli aiuti internazionali per costruire costruire una rete di tunnel che si estende centinaia di kilometri allo scopo di “nascondere” le armi e di infiltrarsi in Israele per compiere attentati contro Kibbutzim e comunità che si trovano vicine al confine. Tunnel che costano milioni di dollari al kilometro, soldi che potevano essere investiti nel educazione e nella salute invece che nel’odio.

La sconfitta morale è invece della comunità internazionale che ha permesso ad Hamas di spendere le decine di miliardi di dollari in aiuti internazionali nel acquisto e costruzione di missili destinati ad essere lanciati sulla popolazione di civile israeliana.

La sconfitta morale è invece della comunità internazionale e del ONU che chiude gli occhi di fronte ai massacri che si compiono a poche centinaia di kilometri da noi ma coglie la palla al balzo per lavarsi al coscienza incolpando l’unica democrazia del medio oriente, l’unico porto sicuro per la comunità LGBT araba, l’unico luogo del medio oriente in cui la libertà di parola sia garantita.

Io, da cittadino Italiano di estrama sinistra, residente in Israele, non mi sento minimamente di incolpare l’esercito Israeliano di alcun crimine. Questa volta ogni soldato in azione era dotato di telecamere, ogni azione aerea filmata da un drone, ogni comunicazione radio registrata. Se ci sarà un indagine internazionale Israele saprà dimostrare la propria condotta come intonsa.

Cari amici, volete che Gaza torni ad essere un bel posto dove vivere? Tagliate l’ossigeno ai terroristi perché, come ha detto il primo ministro israeliano “Se Hamas deponesse le armi, due minuti dopo regnerebbe la calma. Se Israele deponesse le armi, due minuti dopo cesserebbe di esistere”.

 

Sarà che ora che sono papà…

mi piacciono di più le pubblicità dove i bimbi fanno ridere, ma devo dire che questo nuovo minispot della Fineco proprio mi piace!

Umbe… ciao

Ho appena saputo che un nostro caro amico è mancato.
Un abbraccio a tutta la sua famiglia da parte mia, di Micol.
Sono sicuro che H. gli riserverà un posto in prima fila per i bellissimi concerti che si tengono lassù.
Ciao Umbe, ci mancherai

Accessori per appassionati di volo

Un caro amico ha aperto un sito di commercio elettronico di accessori per l’aeronautica. Anche se per il momento i prodotti non sono numerosissimi, so che nel prossimo futuro arricchira’ l’offerta.
Dategli un’occhiata perché ne vale la pena.

http://www.flytouring.com

aliyah.it

Ho aperto un nuovo sito (in salsa blog) dove vorrei raccogliere storie e consigli sull’aliyah. E’ rivolto particolarmente agli italiani, quindi se voleste partecipare anche solo raccontando al vostra storia (anche se non è a lieto fine) siete i benvenuti!

http://www.aliyah.it

l’Italia e’ l’unico reame …

l’Italia e’ l’unico reame in cui il monarca ed il giullare sono la stessa persona.
Ha proprio ragione Lettore_734749 nel commentare il commento del direttore del Guardian…

fat teen bikini anna makarenko naked shannon elizabeth nude sofia colombian tits amber leigh naked kristen stewart naked tits emma watson handjob gif sarah hyland leaked photos sofia kasuli iggy azalea leaked nudes melisandre nude hd demi lovato up skirt kerrie mcmahon emily bett rickards see through fappening forum leila spilman nude barbara palvin nude miley cyrus terry richardson fappening mary elizabeth winstead nackt jannie phan nude