redpro premium wordpress theme

Archive for March 2015

12 buoni motivi per traferirsi in Israele ed 10 per non farlo

Aggiornato a seguito di commenti da parte di amici

Perché trasferirsi in Israele:

1. Il clima è fantastico;
2. Il cibo è mediamente molto buono;
3. E’ una società veramente multietnica;
4. La solidarietà verso gli Olim Hadashim (nei primi tempi almeno);
5. La meritocrazia;
6. E’un paese dove essere genitori non è una condanna ma una fortuna;
7. Si contratta su qualsiasi cosa;
8. L’abbigliamento è assolutamente informale e le gonne non sono in via d’estinzione (anche se talvolta ci si chiede se siano definibili gonne);
9. Durante le feste ebraiche non ci si sente minoranza e non si sentono i jingle di natale 4 mesi l’anno;
10. Per chi come me ci tiene all’educazione ebraica per i propri figli, non c’è confronto con la situazione italiana;
11. Il senso di comunità nei momenti più difficili è qualcosa che non si può descrivere;
12. Le sirene di YomHashoah e YomHazikaron e come un paese si blocchi per sentirle.

Perché non trasferirsi in Israele

1. E’ cara
2. L’igiene negli esercizi pubblici è un’opinione (talvolta anche in quelli privati): HACCP è al massimo l’onomatopea di uno starnuto;
3. La neve … quasi non esiste.. e quando fa caldo… FA CALDO… per davvero;
4. La varietà dei prodotti nei negozi è limitatissima rispetto all’europa ed un sacco di marchi di qualità semplicemente non esistono. La cineseria abbonda. Non esistono negozi tipo Feltrinelli o Mediaworld. Il negozio più grande del genere è grande quanto la libreria d’essai italiana. Tutto quel che è tecnologico costa il 30% in più come minimo;
5. Non esiste una vera editoria perdiodica. Poche riviste e costose. Quelle straniere costano un rene ed un pancreas;
6. I programmi televisivi sono deprimenti e la paytv costa un’esagerazione;
7. Al cinema i film sono solo in inglese;
8. Una certa fascia di popolazione (segnatamente le russe over 50) non ha la minima idea di cosa siano  stile e buon gusto. Si incrociano cose che danno il voltastomaco;
9. Gli unici musicisti italiani che potrete sentire dal vivo sono Pupo, Toto Cutugno ed Albano&Romina;
10. Se non vi piacciono i fuochi d’artificio potreste avere qualce problema.