redpro premium wordpress theme

Archive for 2012

L’Attentato di Tolosa…

Riporto qui il post di un’amica, educatrice e mamma, che ha inserito su Facebook.

bimba mia, che alle 4 del pomeriggio, all’uscita dalla tua classe, mi raggiungi correndo mentre metto in fila i miei allievi.. bimba mia, che mi chiedi stupita perchè oggi è venuta una signora a dire che i bambini che prendono il pullmino saranno caricati nel cortile interno e non davanti a scuola, come sempre.. bimba mia, che mi chiedi perchè la stessa signora ha detto che nessuno, nemmeno i ragazzi grandi, deve più sostare davanti a scuola, ma tutti devono aspettare fratelli e genitori nell’atrio, e poi allontanarsi velocemente.. bimba mia, come posso spiegarti perchè? come posso spiegarti che questa mattina, a pochi chilometri da qui, qualcuno è uscito a cavallo di uno scooter e con due pistole in tasca per fare tiro a segno su un gruppo di bambini come te? su un gruppo di bambini ebrei, come te? come posso spiegarti, pulcino mio, che la figlia della direttrice, la bambina che è morta, aveva la tua età, e gli altri due bambini, i figli del rabbino, erano grandi come i tuoi fratelli? come posso dirti, tesoro, che non è nemmeno la prima volta che succede, che tanti anni fa, quando la mamma era piccola, una cosa del genere è successa anche qui da noi, all’uscita di una sinagoga, durante una delle feste che preferisci?

non posso farlo, piccola mia.. perchè poi mi chiederesti come si può provare un odio tale da inseguire dei bambini nel cortile di una scuola, per ucciderli.. mi chiederesti perchè c’è gente che ci odia tanto e che ci vuole morti.. e io non saprei cosa rispondere.. e poi mi chiedersti, amore mio, come può quel D-o che ti insegnamo ad amare e benedire ogni giorno, quando ti alzi e quando vai a dormire, prima di mangiare una caramella e dopo averla mangiata, come può aver permesso che accadesse.. e ancora una volta, amore mio, io non saprei cosa risponderti..

vorrei poterti spiegare, piccola mia, che è come se noi avessimo in mano pochi pezzi di un puzzle enorme, di cui solo D-o possiede la scatola con il disegno.. e solo Lui sa come sistemarli perchè tutto abbia un senso.. ma oggi questa spiegazione sembra troppo ingenua anche a me.. soprattutto, amore mio, vorrei poterti giurare che sarai sempre al sicuro, che ogni mattina ci saluteremo sul portone della scuola che amiamo, che è la nostra seconda casa, e che ogni giorno ci incontreremo all’uscita e ci racconteremo le cose belle che ci sono successe.. ma mi rendo conto, amore mio, che questo non te lo posso promettere, e non sai quanto questa consapevolezza mi faccia arrabbiare e sentire impotente..

il Rebbe dice che contro il buio non possiamo far altro che accendere la luce.. oggi vorrei dirti tantissime cose, piccola mia, ma ti dirò solo questo: continua ad illuminare le nostre vite e quelle di chi ti sta intorno, con il tuo sorriso, la tua preghiera, la tua fede genuina e ingenua.. sii sempre orgogliosa di essere ebrea e continua a portare luce nel mondo, fallo anche per i bambini che non ci sono più..

Scioperi, ministeri e giudici

Qui in Israele, da qualche giorno, si svolge uno sciopero generale ad oltranza. Il motivo dello sciopero è il trattamento dei lavoratori interinali presso uffici pubblici e privati che, talvolta eseguendo gli stessi compiti dei loro colleghi dipendenti diretti, si trovano a lavorare a condizioni nettamente peggiori, sia dal punto di vista economico che da quello del wellfare.

Allo sciopero partecipano la gran parte dei dipendenti pubblici rappresentati dalla Histadrut (il sidacato dei lavoratori pubblici) che molti lavoratori di aziende private ex-pubbliche (Egged, Dan, Banche varie…). Quello che distingue lo sciopero israeliano da quello italiano (il resto del mondo non saprei) è un giudice.

La presidentessa del tribunale del lavoro ha ordinato al Ministero delle finanze ed al Histadrut, di portare avanti dialoghi ad oltranza. Ogni giorno ogni parte deve presentare memorie scritte sui progressi ed il giudice, di giorno in giorno, decide se lo sciopero possa continuare e quali uffici/aziende possano prenderne parte. Dopo 3 giorni di stop dei treni, oggi la rete ferroviaria ha ricominciato il servizio, ma è stata sostituita dalle due reti di trasporto automobilistico maggiori, Egged e Dan, che garantiscono, oltre alla gran parte del trasporto interurbano, anche la stragrande maggioranza di quello urbano.

L’eccezionalità è proprio nel potere e nel rispetto delle ordinanze di un giudice. Il giudice non si permette di entrare nel merito della disputa o degli accordi – non li giudica, ma prende la parte dei cittadini, costringendo le parti a trattare e, soprattutto, cercando di ridurre al minimo ragionevole i disagi per il pubblico. Oggi, qualora non si sblocchi la situazione, mi aspetterei che ordini – per ragioni di salute pubblica – la ripresa della raccolta della spazzaura (che, tra parentesi, a Netanya non si è mai fermata per quel che vedo..).

Una parte degli accordi già presi durante i colloqui riguarda l’assunzione da parte dell’amministrzione pubblica di circa 300mila lavoratori interinali che svolgono funzioni che dovrebbero essero svolte da personale in pianta organica e che invece, per questioni di budget, erano delegate a società esterne. Allo stesso modo dovrebbero essere internalizzati lavoratori delle pulizie ed altro.

Tutto questo fa molto contrasto con le norme di austerità richieste alla grecia, dove il settore pubblico deve dimagrire di 150mila unità, lo stipendio minimo verrà ridotto del 20% e gli stipendi verranno congelati fin quando il tasso di discoccupazione non scenderà sotto il 10% (attualmente è intorno al 19%). Non ho idea di come queste norme possano anche solo lontanamente aiutare l’economia greca comunque…

Fa davvero strano vedere che uno stato così piccolo riesca a mantenere tassi di crescita da tigre asiatica, possa garantire un assistenza sanitaria ottima ed universale e possa pensare di gestire l’internalizzazione di 300 mila lavoratori…

D’altra parte questo va a scapito di altre spese… il taglio dei finanziamenti per la sicurezza ha cancellato l’ordine per 2 batterie del Iron Dome che avrebbero dovuto essere piazzate in Galilea (che con i venti che arrivano dalla Siria non sarebbero proprio stati fuori posto…)

 

rita ora nude pics madison riley topless the fappening amber rose nicki minaj cum vana white nude photos isla fisher fappening the fappening unrated katy perry pussy slip katy perry nudeography rachel cook sexy miranda stocks nude melissa benoist leaked nude megan fox hot leaked fappeningso adriana grande nude brittany rhea nude clara settje nude nikita klaestrup nude melia renee nude destiny sierra nude